LANGUAGE

La tragica morte di Ballard e Nardi Reinhold Messner: «Gl iavevo detto di non andarci, è un inferno»

ESTERI


«A Daniele Nardi, tre o quattro anni fa, dissi che salire sullo sperone Mummery non è un atto eroico, ma è stupidità». Così Reinhold Messner, poco dopo aver appreso la notizia del riconoscimento dei corpi senza vita di Nardi e Ballard sulla parete del Nanga Parbat, ricorda con dolore e amarezza il suo incontro con l’alpinista di Latina, che aveva cercato di dissuadere dalla suo progetto.

«Pare che siano morti a 6.000 metri, nell’angolo più pericoloso della parete, adesso però è troppo tardi per dire che in quell’angolo io non ci andrei», spiega l’alpinista che proprio…

LEGGI L’ ARTICOLO ORIGINALE