Corte Strasburgo: con ergastolo ostativo l’Italia viola i diritti umani

ESTERI


Nessuno tocchi Caino: “Pronunciamento storico”

Secondo la Corte europea dei diritti umani l’ergastolo ostativo, il cosiddetto ‘fine pena mai’, è contrario all’articolo tre della Convenzione europea per i diritti umani 

Condividi

Le disposizioni che in Italia regolano la pena dell’ergastolo ostativo, più comunemente noto con l’espressione “fine pena mai”, violano l’articolo 3 della Convenzione europea sui diritti umani (divieto di trattamenti degradanti e inumani) e il generale rispetto della dignità umana, alla base della Convenzione stessa. Lo ha stabilito la Corte…

LEGGI L’ ARTICOLO ORIGINALE