LANGUAGE

Nella polveriera mediorientale, Teheran gioca la carta Hezbollah. Contro il “nemico sionista”

ESTERI


I falchi di Teheran hanno solo una carta da giocare per destabilizzare il fronte arabo (sunnita) avverso: far entrare nel “gioco” della guerra Israele. Basta una provocazione condotta per procura, utilizzando le milizie sciite fedeli a Teheran, in particolare quelle che operano a Gaza (Hamas e Jihad islamica) e in Libano, altra frontiera calda per lo Stato ebraico. E una prima conferma la si ha avuta oggi. L’Iran può bombardare Israele con forza e ferocia, secondo quanto affermato dal leader degli Hezbollah libanesi filo-iraniani Hassan Nasrallah. Le dichiarazioni sono state fatte…

LEGGI L’ ARTICOLO ORIGINALE