L’opposizione suonatissima del senatore Salvini

ESTERI


Non ci siamo, l’opposizione è suonata, suonatissima. Il senatore Salvini, che ne sarebbe il capo, non riesce ad articolare nulla che non sia una banale constatazione del fatto compiuto. Sì, il primo e il secondo partito, calcolati per gruppi parlamentari, si sono accordati e hanno fatto un governo, con il quale intendono realizzare un programma che, forse, differisce da quello proposto, oniricamente, da Salvini. Forse, perché il senatore Salvini è stato al governo ma del suo sognato programma non si è visto nulla, tranne abbozzi di…

LEGGI L’ ARTICOLO ORIGINALE