Gli immigrati che trasferiscono soldi all’estero. Italia tra le prime per invio di commesse


La relazione tecnica del decreto Rilancio stima, ipoteticamente, che siano 220 mila richieste di regolarizzazione di lavoratori stranieri tra braccianti, badanti e colf. Sono spesso loro, che lontani da casa, lavorano e inviano denaro alla famiglia.

I dati

L’Italia è uno dei primi dieci Paesi al mondo per invio di rimesse, stando ai dati 2018 della Banca Mondiale e secondo i dati della Banca d’Italia, nel 2019 ammonterebbe a 6,1 miliardi di euro, il totale delle rimesse di lavoratori stranieri dall’Italia (che include tutti i canali formali (banche, Money Transfer Operator e Poste), importo che fa riferimento totale inviato all’estero…

Continua a leggere l’articolo

0 Condivisioni

Lascia un commento

Close