Udine, due nuovi casi e zona rossa prolungata: scoppia la rivolta nel centro profughi


UDINE Immigrati in rivolta nell’ex caserma Cavarzerani, di Udine, che ospita circa 500 persone. La protesta scoppiata verso le 9 quando si era sparsa la notizia che il sindaco del capoluogo friulano, Pietro Fontanini, sarebbe intenzionato a prorogare la quarantena per altri 15 giorni nella caserma che era gi stata indicata dallo scorso 21 luglio zona rossa. All’origine della decisione del primo cittadino c’ il risconto di altri due immigrati risultati positivi al Covid19. La protesta divampata quando centinaia di migranti si sono ammassati agli ingressi nel tentativo di uscire. Almeno cinque di loro…

Continua a leggere l’articolo

0 Condivisioni
Close