Autostrade, i soci esteri non vogliono alzare il prezzo per l’88% del gestore


Una forchetta di prezzo compresa tra i 7 e gli 8 miliardi per l’88% di Autostrade. In cui l’importo minimo, osservano fonti, sarebbe la garanzia fornita alla venditrice Atlantia, la capogruppo controllata al 30% dalla famiglia Benetton, che sotto quella soglia non si potr andare. Si tratta per di un’offerta non vincolante — perch ancora condizionata all’approvazione del piano economico-finanziario del gestore — che marted il consiglio di amministrazione di Cassa Depositi formalizzer come capofila di una cordata che coinvolge anche i fondi esteri Blackstone e Macquarie. Nel veicolo che dovrebbe rilevare la partecipazione di controllo del…

Continua a leggere l’articolo

0 Condivisioni
Close