Barbera d'Asti Docg: +28% in valore in cinque anni


(circa il 30% di quelli piemontesi),
disposti in 167 comuni tra le province di Asti e Alessandria”.

II valore della produzione certificata sfusa è cresciuto del
+28% nel corso ultimi 5 anni, quasi dieci punti in più del
valore relativo a tutta la produzione a denominazione d’origine
del Piemonte. Il profilo economico emerge da una ricerca della
Fondazione Qualivita sulle “buone pratiche messe in atto dal
Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato”. L’analisi di
mercato, oltre a fotografare i valori produttivi ed economici,
ha evidenziato le buone…

Continua a leggere l’articolo

0 Condivisioni
Close