Il bambino diventa triste. L’incipit


Il bambino diventa triste. L'incipit
Jean-Pierre Simon (1750-1810), Incubo

Alla scritta, su su in cima, mancano alcune lettere, altre sono storte. Anche se ha solo cinque anni e non va ancora a scuola, riconosce la G e la H e sa che il cerchietto corrisponde sempre alla O, che ora anche la forma dello stupore sulle sue labbra.

Grand Hotel legge Vera per lui mentre si avvicinano, indicando l’alto edificio che li attende, addormentato. Le finestre sono tanti occhi ciechi. Nei muri lunghe rughe che si sbriciolano, solchi di lacrime secche. Le scritte e i disegni colorati invece di mettere allegria fanno somigliare il palazzo a un vecchio gigante umiliato. La porta d’ingresso…

Continua a leggere l’articolo

0 Condivisioni
Close