Pompei, scoperti un uomo e il suo schiavo: nei calchi anche le vene delle mani


I due, un padrone e il suo schiavo, fuggivano disperatamente insieme, da una Pompei diventata un inferno: cercavano un’impossibile salvezza. La morte quasi istantanea (per l’intollerabile calore, è la diagnosi del 2020) li ha colti durante l’eruzione del Vesuvio del 24 ottobre del 79 dopo Cristo, alle 9 del mattino. L’area archeologica non smette di produrre tesori come questi due uomini riemersi dagli scavi di Civita Giuliana, nella villa suburbana del Sauro Bardato, 700 metri a nord ovest di Pompei, nella stessa zona in cui vennero recuperati nel 2017 i tre ammiratissimi cavalli con le loro…

Continua a leggere l’articolo

0 Condivisioni
Close