Vaccino AstraZeneca: più vicina la decisione di non somministrare le dosi sotto i 50 anni


Un nuovo capitolo complicato per il vaccino AstraZeneca, già oggetto di decisioni altalenanti da parte delle agenzie del farmaco internazionali. Non dovrebbe tardare una nuova decisione dell’Italia sull’uso che se ne vuol fare.

Le donne più colpite

L’ipotesi è di non somministrare le dosi sotto i 50 anni perché la quasi totalità dei rarissimi casi di trombosi associata a carenza di piastrine, eventi culminati anche con la morte in seguito a emorragie cerebrali, hanno colpito nel mondo persone giovani, soprattutto donne. Non è escluso che si possa scendere anche ai 30 o 40 anni, età in cui il…

Continua a leggere l’articolo

0 Condivisioni
Close