Camilla Canepa soffriva di una malattia autoimmune del sangue e assumeva una doppia terapia ormonale


Camilla Canepa, la ragazza di 18 anni morta dopo la vaccinazione volontaria con AstraZeneca, secondo quanto riferiscono le agenzie soffriva di piastrinopenia autoimmune familiare e assumeva una doppia terapia ormonale. Gli investigatori vogliono capire se le due patologie fossero state indicate nella scheda consegnata prima della somministrazione del vaccino, il 25 maggio. Tra i documenti che stanno acquisendo i militari anche le relazioni dei dirigenti medici del San Martino Pelosi e Brunetti. Marted verr dato l’incarico ai medici legali Luca Tatjana e Franco Piovella.


11 giugno 2021 (modifica il 11…

Continua a leggere l’articolo

0 Condivisioni
Close